Presentazione di “Pensieri senza scarpe” di Carlo Spillare


Register
pensieri senza scarpe originale

E’ organizzata un’altra presentazione per il prossimo 1 marzo 2019 alle ore 20.30 presso l’associazione La LocomotivaVicenza, via Rismondo n. 2.

Ingresso libero.

 

P.S.: qui di seguito, la presentazione di Piero Bianchi, che con la sua proposta ha determinato la pubblicazione del libro.

Ho conosciuto Carlo Spillare nell’estate del 1978. Era in vacanza al mare in Abruzzo, quel ragazzone di quasi due metri all’epoca già giocatore di serie A di basket.
Veniva a trascorrere interminabili pomeriggi di 3 contro 3 al playground con noi ragazzi del posto, di lui ci colpì l’atteggiamento sempre misurato, sobrio, mai sopra le righe.
L’ho ritrovato quasi quarant’anni dopo grazie a Facebook: ormai fuori dall’ambiente della pallacanestro (dove a fine carriera aveva fatto anche il dirigente, sempre ad alti livelli), professionista forense affermato, con la passione per il coaching che lo ha portato ad occuparsi attivamente di formazione e tecniche motivazionali.
Le sue “vitamine per il pensiero laterale” hanno attirato la mia attenzione proprio come tanti anni prima i suoi modi pacati e riflessivi: aforismi di grande acutezza, che rispecchiano una visione del mondo fatta di introspezione e di “scoperte” utili a vivere meglio.
Piccole perle di saggezza semplici e mai banali.
Mi è sembrato del tutto naturale, allora, concepire un’operazione che mettesse insieme le “perle” fino a formare una collana: ovvero riunire le vitamine, quelle prescelte dall’autore, in un’opera libraria che avesse l’obiettivo di divulgare il “pensiero laterale” al di là del microcosmo di Facebook e di renderlo accessibile a chiunque.
E’ nato così, grazie all’adesione al progetto della casa editrice Linea Maginot e col personale impegno di Roberto Lotorio, il volume “Pensieri senza scarpe”, una finestra sul mondo delle relazioni interpersonali, dei percorsi di crescita, delle emozioni. Un’opera profonda, ma con la giusta dose di leggerezza: come suggerisce l’autore, la leggerezza che serve per fare canestro.

                                                                                                              Piero Bianchi

1 marzo